Takahashi FS-60C

Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il momento di un rifrattore APO vero.. non immaginavo pero che si sarebbe trattato del piccolo Takahashi FS60C. Il teleobiettivo Sigma 300Apo ha svolto un lavoro egregio in questi anni e dubito che me ne separero ma ha chiaramente dei limiti perchè non è espressamente pensato per la fotografia astronomica.. Il 300Apo non andra in pensione ma il suo utilizzo sara prevalentemente per la ripresa di immagini narrow band grazie al suo rapporto molto veloce (F4). In narrow band tutti i problemini di correzione cromatica saranno risolti in quanto si opera su una singola lunghezza d’onda. Purtroppo la ripresa a colori senza filtri soffre la correzione cromatica non eccellente. Da qui la decisione di acquistare un Rifrattore Apo. Ho passato diverse settimane a valutare i piccoli 66ED cinesi o in alternativa gli 80ini cinesi ma mentre i primi avrebbero lavorato con il riduttore a 300mm circa i secondi invece avrebbero lavorato a focali intorno ai 500mm.. troppo per quello che cercavo io. La focale che volevo raggiungere doveva essere il piu vicina possibile ai 400mm. Il takino è stato un fulmine a ciel sereno.. ero prossimo a concludere per un Equinox 80 che con il riduttore sarebbe arrivato a 400mm esatti quando l’ho visto su astrosell.. un occasione.. dopo aver fatto 2 conti ho realizzato che mi sarebbe venuto a costare esattamente gli stessi soldi di un 80ED con accessori quindi ho deciso di acquistare il piccolo 60ino giapponese. Innanzitutto ringrazio Fabio Testoni, lo strumento era full optional e tenuto alla perfezione nonostante fosse stato acquistato nel 2004.. L’ho acquistato con tutti i suoi accessori compreso il preziosissimo spianatore F6.2 e riduzione micrometrica, ho dovuto aggiungere solo un Anello di raccordo per raggiugnere il fuoco e un T2 per la mia Canon.
Il mondo takahashi è una storia a se. convinto di poter sfruttare i miei accessori da 2″ mi sono dovuto scontrare con la filosofia takahashi e le loro system chart.. Il sistema è calibrato per lavorare con i suoi costosi accessori e quindi la ferraglia che avevo a disposizione in casa è praticamente inutile..

Il sistema fotografico è cosi composto:
Takahashi FS60C versione lunga
Anello di prolunga CA35
Spianatore F6.2
Anello T2 Wide

cosi facendo raggiungo il fuoco a pelo. Il fatto è che il fuocheggiatore ha una escursione di solo 27mm e quindi un raccordo sbagliato impedisce di raggiungere il fuoco. Inoltre il T2 è detto wide perchè ha un apertura maggiorata e quindi gli anelli comuni non vanno bene in quando non è possibile agganciarsi allo spianatore. A parte questi inconvenienti meccanici il tubino è veramente meccanicamente ben fatto.. il fuocheggiatore sembra un crayford ma è un pignone/cremagliera demoltiplicato.. fulido e preciso con uno shift irrisorio e un meccanismo di bloccaggio a collare che non fa variare il fuoco e impedisce qualunque spostamento del fuocheggiatore quando si è in sessione fotografica. Un gioiellino di precisione e solidita.. sono sicuro che potrei utilizzarlo tranquillamente anche con carichi di qualche chilo senza problemi.. inutile dire che con i 500 grammi della 350D lavora perfettamente..

Lo testero approfonditamente sul profondo cielo appena il cielo me lo concedera..

Questa voce è stata pubblicata in Astronomia, Strumentazione. Contrassegna il permalink.